E' un film del 2018 ambientato nella Seconda guerra mondiale tratto dal libro "Alexander Pechersky: Breakthrough to Immortality" della scrittrice Ilya Vasiliev. Nel campo di sterminio di Sobibór, nella Polonia invasa dai tedeschi, è in atto la soluzione finale, con lo sterminio di centinaia di migliaia di persone, che hanno la sola colpa di essere ebrei. Nell'ottobre del '43 i prigionieri organizzano una vera e propria rivolta e trecento di essi, dopo aver ucciso 12 ufficiali delle SS, riescono ad evadere, nonostante le guardie ed i campi minati. Alla fine del conflitto i sopravvissuti saranno solo una cinquantina, compreso Alexander Pechersky, l'ufficiale sovietico che ha valorosamente guidato la rivolta.